Tapas a Madrid

  • SolGranViaCasaLabra_1399882021.182.jpg
  • Origini della tapa
  • Taverne storiche tradizionali
  • Tapas d’autore

Si denomina tapa qualunque stuzzichino o piccolo spuntino che viene servito nei bar e nei ristoranti per accompagnare una bevanda. Ma, quando si è iniziato a parlare di tapas? E perché?

L’ipotesi più popolare risale al XIII secolo. Si narra che il re castigliano Alfonso X il Saggio obbligò gli osti a servire sempre un po’ di cibo insieme al vino, per evitare gli effetti nocivi dell’alcol.

Oggi le tapas si sono trasformate in un’autentica arte culinaria e un piacere per i sensi. Il prosciutto, i callos madrileños (trippa madrilena), le patatas bravas (patate fritte con salsa piccante), i tigres (una crocchetta di cozza servita nel suo guscio) o i calamari fritti son alcune delle tipiche tapas autentiche, ma a Madrid possiamo assaporare anche altri piatti della tradizione culinaria spagnola, come la paella valenciana, la fabada (zuppa di fagioli), il pulpo a la gallega, il pescaíto fritto dal sapore andaluso, le patatas alioli, le crocchette, i gamberi o la seppia alla piastra. 

MADRID DA NON PERDERE

I dieci luoghi che non puoi perderti durante la tua prima visita!

Consulta e scarica le informazioni turistiche indispensabili per spostarti a Madrid.

Pubblicità

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Entra in più di 50 musei e usufruisci di numerosi sconti.