Statue di Madrid

  • Estatuas de Madrid
    el_angel_caido.jpg

Sono le statue urbane più singolari di Madrid, quelle che ci sorprendono nel nostro girovagare per la città. Sono sparse in tutta la capitale spagnola e quando le trovate -alcune non sono facili da vedere-, farete sicuramente una foto accanto a loro o utilizzandole come sfondo.

Lo spazzino in Plaza de BenaventeBarrendero madrileño 1960

Tra la Puerta del Sol e Calle de Atocha, esattamente in Plaza de Jacinto Benavente, c'è una statua che potrebbe benissimo essere reale, in quanto rappresenta uno spazzino all’opera con la sua scopa.

Quando ci si accorge che si tratta di una figura in bronzo, prendiamo subito il cellulare per immortalarlo. Il “Barrendero madrileño 1960” (Spazzino madrileno 1960) è probabilmente una delle statue più fotografate di Madrid.

Si tratta di un'opera molto realistica di Félix Hernando García, che rende omaggio a dei lavoratori essenziali in una grande città: gli spazzini. La statua è stata collocata nel 2001.

 

 “Incidente aereo”

“Accidente aéreo”

In Calle Mayor, nelle immediate vicinanze della Puerta del Sol, se guardate il cielo, vedrete un'immagine molto suggestiva che i madrileni conoscono come “el ángel estrellado” (l’angelo precipitato).

In realtà, si tratta di una statua in bronzo di oltre 300 chili realizzata dall'artista Miguel Ángel Ruiz Beato.

Dal 2005 si trova sul tetto di un edificio di cinque piani situato al civico 3 di Calle de los Milaneses.

Il vero nome della scultura è “Accidente aéreo” e rappresenta la figura di un angelo con la testa schiacciata contro l'edificio, i piedi in alto e le ali aperte.

 

 

 

El Día y la Noche (Il Giorno e la Notte)El Día y la Noche

All'ingresso della  stazione ferroviaria di Madrid-Atocha troviamo due teste di bambini giganti. Sembrano identiche, ma non lo sono.

Una rappresenta il “Giorno” e l'altra la “Notte”. Sono opera dell'artista di Tomelloso, Antonio López García, che si ispirò a sua nipote Carmen, quando aveva 6 mesi, per realizzarle.

In una gli occhi della bambina sono chiusi, mentre nell'altra sono aperti. Si tratta di due opere iper-realistiche commissionate dal Ministero dei Lavori Pubblici nel 2002.

 

Julia, la prima universitaria

Julia, la primera universitaria

 

In Calle del Pez, all’altezza di Calle de San Bernardo, troviamo “Julia”, la statua della prima studentessa universitaria di Madrid che andava a studiare alla Central de San Bernando travestita da uomo. O almeno, è ciò che dice la leggenda.

La vediamo appoggiata su una delle pareti laterali del Palacio Bauer. C'è chi sostiene che rappresenta Concepción Arenal, scrittrice e giurista che nel 1840 si è travestita da uomo per studiare legge. L'autore della statua, Antonio Santín, la battezzò “Tras Julia”.

 

 

Due bambini che leggono davanti alla Biblioteca Nacional

Al Libro

Sul Paseo de Recoletos, proprio di fronte alla Biblioteca Nacional, possiamo ammirare una statua di due bambini che leggono, un'immagine che provoca emozioni in un'epoca digitale come la nostra.

Il monumento, alto appena un metro, è stato inaugurato il 23 aprile 1984. Un'opera di Manuel García Buciños che porta la scritta: “I librai spagnoli, al libro e ai suoi creatori”.

 

 

“La mano” di Botero

mano_de_botero.jpg

Si tratta di una delle opere di Fernando Botero che, dopo essere stata esposta in una grande mostra antologica, è stata installata permanentemente a Madrid. Pesa più di 500 chili ed è stato acquistata da Telefónica, azienda che l’ha prestata a Madrid per la sua esposizione permanente.

Si può ammirare sul Paseo de la Castellana, all'altezza del Museo Nazionale di Scienze Naturali.

 

 

 

 

La sirena varada”, di ChillidaLa Sirena Varada

Nientemeno che Eduardo Chillida firma una delle opere monumentali che compongono il Museo di Arte Pubblica del Paseo de la Castellana, situato sotto la sopraelevata che collega Calle Eduardo Dato e Calle Juan Bravo.

Si chiama “La sirena varada” (La sirena incagliata). In questo museo all’aperto, ci sono anche opere di Eusebio Sempere, Andreu Alfaro, Gustavo Torner, Gerardo Rueda, Palazuelo, Miró e Pablo Serrano, tra gli altri.

 

 

La abuela roquera

Abuela roquera de Vallecas

È la nonna rocker di Vallecas, una delle sculture più curiose di Madrid. Si può ammirare nel viale di questo quartiere madrileno, in Calle de la Peña Gorbea.

Ángeles Rodríguez Hidalgo (1900-1993) era il vero nome di questa sorprendente donna, fan sfegatata degli AC/DC, che scriveva editoriali e reportage musicali per la rivista Heavy Rock.

La statua è opera di Carmen Jorba ed è stata realizzata nel 1994 con i fondi raccolti in un concerto in cui hanno suonato Esturión, Ñu, Asfalto, Sobredosis e altri gruppi storici dell'heavy metal nazionale.

 

 

 

El Ángel caído (L'Angelo Caduto)

Top 10 alternativo

È una delle poche statue al mondo che rappresenta Lucifero durante la sua espulsione dal cielo. Si trova nel Parco del Retiro ed è opera dello scultore Ricardo Bellver, che la portò all'Esposizione Universale di Parigi. Infine, il Municipio di Madrid l’acquistò e la installò presso il Retiro nel 1885.

C'è chi dice che quest'opera ha proprietà malefiche, perché si trova esattamente a 666 metri di altitudine e perché il suo piedistallo ha otto lati (il numero attribuito al caos). Tuttavia, il Demone ha un aspetto piuttosto umano.

 

El Vecino curioso

El Vecino curioso

Nel cuore di Madrid, all’incrocio tra Calle Mayor e Calle de la Almudena, si trova la statua in bronzo del Vecino Curioso (Il Vicino Curioso).

Una figura maschile si affaccia su una ringhiera dalla quale si possono vedere i resti archeologici della Chiesa di Santa María de la Almudena.

È opera di Salvador Fernández Oliva ed è stata realizzata nel 1999 affinché i passanti potessero venire ad ammirare i resti della nostra storia. Indovinate qual è la parte più consumata?

 

 

Lampionaio madrileno

La scultura, che ricorda gli antichi lampionai della città di Madrid, è stata commissionata dal Estatua del farolero madrileño (Félix Hernando, 1999). Foto: © Antonello Dellanotte. 2018Municipio allo scultore Félix Hernando (autore anche delle statue dello Spazzino madrileno, del Lettore di Calle San Justo e dell’Uomo seduto in Plaza de la Paja), realizzata nel 1999, e originariamente installata in Plaza del Carmen.

Il Farolero è stato successivamente trasferito in Calle de Concepción Jerónima, e poi di fronte al caratteristico edificio razionalista dell'ex Imprenta Municipal (Stamperia Municipale) di  Madrid.

L'illuminazione pubblica a Madrid iniziò nella seconda metà del XVIII secolo, anche se all'epoca, e fino all'inizio del XIX secolo, i lampioni erano alimentati a olio. Il gas è stato introdotto nel 1846 con la creazione della Sociedad Madrileña para el alumbrado de Gas (Società Madrilena per l'illuminazione a gas). I primi lampioni a gas vennero installati nel 1847 e non furono sostituiti dall'illuminazione elettrica fino agli anni '40. L'elettricità determinò la fine del mestiere commemorato dalla scultura.

 

 

 

Monumento agli eroi di Baler

Monumento a los Héroes de BalerPlaza del Conde del Valle de Súchil, all'inizio dei giardini del Almirante Pascual Cervera, a Chamberí, ospita questa grande scultura che rende omaggio al distaccamento spagnolo noto come “gli ultimi delle Filippine”che , tra luglio 1898 e giugno 1899 fu assediato dalle truppe filippine in una chiesa della località di Baler, sull'isola di Luzon.

Opera dello scultore Salvador Amaya, la statua in bronzo alta circa tre metri rappresenta il Tenente Saturnino Martín Castillo. Il piedistallo su cui poggia riporta un'iscrizione con la data dell'evento, i nomi dei cinquantaquattro soldati che resistettero all'assedio e le parole in loro memoria. 

 

 

 

 


Se ci è sfuggita qualcuna, ditecelo


 

 

  • Una scultura di 12 metri dell'artista barcellonese è stata posta sul piedistallo dove si trovava la statua del navigatore genovese (Plaza de Colón. Fino al 20 dicembre 2020).

    Julia di Jaume Plensa
  • Julia, de Jaume Plensa
  • I dieci luoghi che non puoi perderti durante la tua prima visita!

    Top 10 Madrid
  • Palacio de Cristal
  • Un percorso attraverso le fontane più emblematiche di Madrid.

    Fontane di Madrid
Pubblicità
  • Scopri i dieci luoghi più segreti e unici di Madrid che non puoi perderti.

    Top 10 alternativa
  • Templo de Debod
Pubblicità
  • Madrid dispone di un lungo elenco di parchi situati in tutta la città. La miglior opzione per fare una pausa.

    Parchi e giardini
  • Lago de la Casa de Campo
Pubblicità
  • Godetevi le migliori viste panoramiche della nostra città.

    Belvedere di Madrid
  • Faro de Moncloa
  • Scoprite quali spazi architettonici contemporanei offre la città e lasciatevi sorprendere da nuovi materiali e forme.

    Architettura contemporanea a Madrid
  • Una selezione di momenti ed esperienze uniche offerte in esclusiva dalla città di Madrid: venite a condividerle con noi!

    Cose che si possono fare solo a Madrid
  • Solamente en Madrid
  • Il Museo del Prado, il Thyssen, Reina Sofia ... e molto altro ancora. Una tappa obbligata per tutti gli amanti dell’arte classica e moderna.

    Paseo del Arte
  • Usuaria de Bicimad en el Paseo del Arte
  • Vetrine, facciate, musei, laboratori, gruppi, festival, fiere… Madrid punta sulla “street art” e noi vi mostriamo come apprezzarla.

    Arte Urbana a Madrid
  • Arte urbano en Madrid - Pinta Malasana

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Tornate a Madrid e approfittate del nostro programma fedeltà!