Una mattina a El Rastro

  • Una mañana en El Rastro
    una_manana_en_el_rastro.jpg
  • Una mañana en El Rastro
    una_manana_en_el_rastro.jpg
  • Una mañana en El Rastro - Casa Amadeo
    rastro_casa_amadeo.jpg
  • Una mañana en El Rastro
    rastro_antiguedades.jpg
  • Malacatín
    malacatin.jpg

Se volete vantare una perfetta conoscenza di Madrid, dovete assolutamente trascorrere una domenica mattina a El Rastro, il mercatino più popolare e accogliente di Madrid. Probabilmente non avrete il tempo di visitarlo tutto, però potrete scoprire la sensazione genuina di percorrere le strade più tradizionali, da Plaza de Cascorro a Calle de Embajadores, passando per la Ribera de Curtidores e le vie e piazze adiacenti, con una vasta scelta di negozi curiosi, ospitali ed enigmatici.

El Rastro, considerato Patrimonio Culturale della Popolazione di Madrid, si svolge da più di 250 anni dalle 9:00 alle 15:00 ogni domenica e nei giorni festivi, nella zona un tempo occupata dalle concerie accanto al macello. Si dice che il suo nome derivi proprio dalla scia di sangue lasciata dalle carcasse durante il trasporto dal macello alle concerie, dove venivano lavorate le pelli fresche degli animali per trasformarle in tessuti di cuoio.

Pertanto, l’ideale è lasciarsi trasportare dalle emozioni e farsi sorprendere, godendosi l'atmosfera e le oltre 3.000 bancarelle installate nel quartiere e scoprendo gli scorci più autentici e tradizionali del Rastro.

Vi forniamo 10 indicazioni per guidarvi attraverso il Rastro e trovare alcuni dei luoghi più rappresentativi:

  • 1. La Ribera de Curtidores è l’arteria principale del Rastro. Si tratta di un grande viale in pendenza completamente occupato da bancarelle su entrambi i lati. Qui si può trovare di tutto: vestiti nuovi e usati, spine ed elettrodomestici, scarpe, bigiotteria, libri, dischi, prodotti artigianali, mobili, lampade, pelli, macchine fotografiche, ecc.

 

  • 2. Da non perdere le Galerías Piquer (Ribera de Curtidores, 29), dove è ambientata gran parte della serie televisiva Arde Madrid e in cui si possono trovare tele originali, mobili art decò e oggetti d’arredamento modernisti, e le Nuevas Galerías (Antigüedades El Jueves) (Ribera de Curtidores, 12), con i migliori antiquari della zona e, quasi, di Madrid.

 

  • 3. Calle de Fray Ceferino González era conosciuta come la “via degli uccelli”, perché specializzata nel commercio di animali e molte persone vi si recavano per trovare animali esotici di ogni genere, oltre a cani, gatti e tartarughe.

 

  • 4. Calle de San Cayetano è nota come la “via dei pittori”, dato che è un punto di ritrovo di molti artisti che vendono i loro quadri. Ci sono anche numerosi negozi che vendono opere d'arte originali e i materiali necessari per dipingere in modo professionale.

 

  • 5. Plaza del Campillo Nuevo, tra la glorieta de Embajadores e la glorieta de Puerta de Toledo, è un viavai di persone in cerca di figurine (vecchie e moderne), riviste di altri tempi, lettere e libri antichi.
    Si tratta di uno spazio molto caratteristico e autentico, così come le vicine Plaza del General Vara del Rey e Calle de Rodas. Qui si possono trovare anche oggetti d'antiquariato, monete, fumetti, dischi in vinile, scampoli, bambole di porcellana…

 

  • 6. Calle de Carlos Arniches e Calle del Carnero sono specializzate nel commercio di libri antichi. Pertanto, se desiderate acquistare una bella edizione datata, dovrete assolutamente visitare queste vie.

 

  • 7. Nelle Calle de Mira el Río Baja e Mira el Río Alta ci sono molti negozi e bancarelle più focalizzate su piccoli oggetti d'antiquariato: libri, vecchi ritratti, cartoline, macchine da scrivere e macchine fotografiche analogiche ricercate solo dai collezionisti.

 

  • 8. Gli artisti di strada approfittano dell'afflusso di persone per mostrare la loro arte in qualche spazio del Rastro, pertanto è molto probabile che assistiate a qualche spettacolo di strada improvvisato. Potreste anche incontrare dei barcaioli e alcuni personaggi tipici di Madrid, quelli che spesso vengono descritti nei romanzi di Pérez Galdós.

  • 9. Una visita alle bancarelle del Rastro stuzzicherà il vostro appetito e dovrete fare una pausa in uno dei bar di tapas della zona, bevendo un vermouth o un bicchiere di birra.
    Ci sono molte possibilità, ma suggeriamo il nome di alcuni locali rappresentativi, come El Capricho Extremeño (Carlos Arniches, 30), famoso per il suo assortimento di crostoni (con polpo, gulas, pollo impanato, salmone affumicato, prosciutto iberico...)

    Un'altra alternativa estremamente tradizionale è rappresentata da Casa Amadeo per gustarsi le tipiche lumache in salsa (Plaza de Cascorro, 18) e dal bar Santurce, in Plaza del General Vara del Rey, 14 (non ha sedie, ma offre delle deliziose sardine arrosto da mangiare in piedi).

    Si può anche scegliere di mangiare un cocido a Malacatín (Ruda, 5) o prendere un vermouth o un piatto tradizionale asturiano a La Bobia (San Millán, 3).

 

  • 10. Il modo migliore per raggiungere il Rastro è in autobus o in metropolitana. Si può optare per le stazioni La Latina o Tirso de Molina, se si vuole iniziare il percorso da Plaza de Cascorro, oppure per la stazione Embajadores (che dispone anche di una stazione di Cercanías), se si preferisce fare la salita di questo mercato tradizionale.
    Se volete cogliere l'opportunità di ammirare una delle antiche porte d'ingresso di Madrid, scendete alla stazione della metropolitana Puerta de Toledo

 

 

Pubblicità
  • Negli ultimi anni si è registrata una grande diffusione di mercatini ed eventi improvvisati —pop up— che riuniscono commercianti, produttori e clienti.

    Mercatini affascinanti
Pubblicità
  • Fiori, artigianato e gastronomia da tutto il mondo, librerie-caffè, un mercato di quartiere reinventato e un mercato di strada con quasi 300 anni di storia.

    Shopping: Lavapiés-Rastro-Embajadores
  • Compras: Lavapiés-Rastro-Embajadores

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Scarica la App dei capolavori del Prado, del Thyssen e del Reina Sofía.