Finali di Champions a Madrid

  • Final UCL 1979/80: Nottingham Forest – Hamburgo (1-0) © Getty Images
    final_ucl_nottingham_forest_-_hamburgo_.jpg
  • AC Milan celebrate winning the 1968/69 European Cup final © Getty Images​
    ac_milan_celebrate_winning_the_196869_european_cup_final_c_getty_images_.jpg
  • Eurocopa 1964: Final: España – URSS (2-1) Jesús María 'Chus' Pereda © Getty Images​​
    eurocopa_1964_final_espana_-_urss_2-1_jesus_maria_chus_pereda_c_getty_images_.jpg
  • Mundial 1982: Italia – Alemania Federal (3-1)
    mundial_1982_italia_-_alemania_federal_3-1.jpg

La città di Madrid è sempre stata legata al calcio, ospitando il Real Madrid, la regina della Coppa dei Campioni con ben 13 titoli, l’Atlético de Madrid e il Rayo Vallecano. Ma la nostra città ha ospitato anche quattro finali di Champions League, oltre alla finale del Campionato del Mondo del 1982 e a quella degli Europei del 1964. Presto verrà aggiunta una nuova finale europea all’elenco: la finale di Champions League 2018/19, che si giocherà il prossimo 1º giugno sul nuovo campo dell'Atlético de Madrid, lo stadio Metropolitano.

COPPA DEI CAMPIONI / CHAMPIONS LEAGUE

  • Finale UCL 1956/57: Real Madrid CF - AC Fiorentina (2-0)

Era la seconda edizione dell'allora denominata Coppa dei Campioni, organizzata dalla UEFA e che avrebbe cambiato la storia del calcio, dopo che il Real Madrid aveva battuto lo Stade de Reims 4-3 in finale a Parigi nella stagione 1955/56, il suo primo titolo del torneo.

Partecipavano 22 squadre con una fase preliminare e le formazioni che passavano il turno andavano ad aggiungersi a quelle già direttamente qualificate, rimanendo in 16. La formula della competizione prevedeva turni a eliminazione diretta dagli ottavi fino alla finale disputata tra il Real Madrid e la Fiorentina. Questa è stata la prima delle finali disputate a Madrid, giocata il 30 maggio 1957 allo stadio Santiago Bernabéu.

Le merengues, allenate José Villalonga, si imposero per 2 a 0 sulla compagine fiorentina di Bernardini e Julinho con gol di Paco Gento e Alfredo Di Stefano, che sarà il capocannoniere del torneo con 7 reti. La saeta rubia (freccia bionda) era all’inizio della sua storia leggendaria con i blancos, dove avrebbe vinto 8 campionati spagnoli e 5 Coppe dei Campioni (le prime cinque edizioni del torneo), segnando 418 gol ufficiali per il Real Madrid.

  • Finale UCL 1968/69: AC Milan - Ajax (4-1)

La Coppa dei Campioni si era ormai affermata ed era giunta alla quattordicesima edizione. Al torneo partecipavano 32 squadre con turni di qualificazione di andata e ritorno dai sedicesimi fino alla finale. La sede scelta per ospitare l’atto conclusivo della manifestazione fu di nuovo il Santiago Bernabéu, in questa occasione senza la partecipazione del Real Madrid, eliminato negli ottavi di finale dal Rapid Vienna.

La finale fu disputata il 26 maggio 1969 dal Milan di Gianni Rivera, alla ricerca della seconda Coppa dei Campioni dopo quella vinta nel 1963, e dall'Ajax di un giovane Johan Cruyff desideroso di proclamarsi campione (di fatto, lo sarebbe diventato due anni dopo).

Si impose il club milanese con un netto 4 a 1, grazie a una magistrale prestazione dell'attaccante italiano Pierino Prati, autore di una tripletta.

  • Finale UCL 1979/80: Nottingham Forest – Amburgo (1-0)

La venticinquesima finale della massima competizione europea fu giocata per la terza volta al Santiago Bernabéu il 28 maggio 1980 tra il Nottingham Forest del leggendario Brian Clough e l’Amburgo di Keegan e Magath, che aveva eliminato in semifinale il Real Madrid.

Si imposero gli inglesi (con una squadra composta esclusivamente da giocatori britannici che aveva già vinto la Coppa dei Campioni nel 1979) per 1-0, con un gol di John Robertson, completando l'incredibile percorso della formazione di Peter Shilton: dalla serie cadetta al doppio titolo di campioni d’Europa in soli quattro anni.

  • Finale UCL 2009/10: Inter – Bayern Monaco (2-0)

La finale della stagione 2009/10 è stata la prima disputata a Madrid con l’attuale denominazione di Champions League, dopo la modifica di nome e formato avvenuta nella stagione 1992/93.

71.569 spettatori assistettero alla finale tra Inter e Bayern Monaco al Santiago Bernabéu. La formazione italiana vinse per 2-0 con due gol di Diego Milito che consegnarono la Coppa dalle grandi orecchie all’Inter di Mourinho, grazie a giocatori del calibro di Eto’o, Sneijder, Zanetti, Cambiasso e Maicon contro la squadra tedesca di Van Gaal, Robben, Muller, Lahm e Schweinsteiger.

 

NAZIONALI

  • Europei 1964: Finale: Spagna – URSS (2-1)

Il Campionato Europeo di Calcio del 1964 è stata la seconda edizione di questo torneo, allora noto come Coppa delle Nazioni d’Europa. Il campionato si è svolto in Spagna, dopo che il primo era stato disputato in Francia nel 1960. Quel torneo era molto diverso da quello che conosciamo oggi, poiché consisteva solo di quattro partite: due semifinali, finale per il terzo posto e finalissima. Per partecipare a questa breve Coppa delle Nazioni si giocavano vari turni eliminatori, tra cui gli ottavi e i quarti di finale, che si disputavano dal 1962 nel corso della stagione.

Giunsero in finale la Spagna, allenata da José Villalonga, che vantava una grande squadra con Iribar, Zoco, Amancio, Pereda, Marcelino e Luis Suárez, e l’Unione Sovietica detentrice del titolo ottenuto nella prima edizione del 1960, guidata dal leggendario Lev Yashin (che aveva vinto il Pallone d’Oro l'anno precedente). Si imposero i padroni di casa per 2-1, con gol di Pereda (min. 6), Khusianov (min. 8) e Marcelino (min. 84).

  • Mondiale 1982: Italia – Germania Ovest (3-1)

La Coppa del Mondo del 1982 in Spagna è stata la dodicesima edizione del Campionato Mondiale di calcio. È stato un Mondiale molto speciale sotto vari aspetti, poiché per la prima volta ha visto la partecipazione di 24 squadre nazionali e la rappresentazione di tutti i continenti. Il torneo prevedeva due fasi eliminatorie a gruppi e una fase finale a eliminazione diretta, un formato che sarebbe stato utilizzato solo in questa edizione.

La finale dell'11 luglio al Santiago Bernabéu fu disputata da due delle più forti squadre dell’epoca, l’Italia e la Germania, già vincitrici di due Coppe del Mondo, e con eccellenti giocatori del calibro di Zoff, Bergomi, Gentile, Conti, Rossi (tra gli italiani) e Schumacher, Breitner, Rummenigge, Littbarski e Briegel (tra i tedeschi).

Furono gli italiani ad aggiudicarsi la vittoria grazie a un 3-1 con gol di Rossi (min. 57) (capocannoniere e miglior giocatore del torneo, e Pallone d'Oro nello stesso anno), Tardelli (min. 69), Altobelli (min. 81) e Breitner (min. 83).

Dino Zoff alzò la coppa all'età di 40 anni diventando il giocatore più anziano della storia a vincere la Coppa del Mondo in una finale che sarà sempre ricordata per le immagini di euforia in tribuna autorità di Sandro Pertini, l’amatissimo Presidente della Repubblica Italiana.

 

Crediti immagini:

  • Campionato Europeo 1964: Finale: Spagna – URSS (2-1) Jesús María 'Chus' Pereda © Getty Images​
  • Coppa del Mondo 1982: Italia – Germania Ovest (3-1)
  • Finale UCL 1979/80: Nottingham Forest – Amburgo (1-0) © Getty Images
  • AC Milan celebrate winning the 1968/69 European Cup final © Getty Images​

TI INTERESSERÀ

Gli spogliatoi, la sala dei trofei... il Tour Bernabéu consente di scoprire tutti i segreti del mitico stadio.

Conosci tutti i segreti del nuovo stadio del Atlético de Madrid con il Wanda Metropolitano Tour! (ven, sab, dom e festivi in cui non ci disputi nessuna partita). 

 

  • Non perderti le partite del Real Madrid e Atlético de Madrid, due delle migliori squadre del mondo.

    Il miglior calcio a Madrid
  • Estadio Santiago Bernabéu
Pubblicità
  • Real Madrid, Atlético de Madrid e Rayo Vallecano sono le squadre di una città con la passione per il calcio.

    La Madrid calcistica
  • Estadio Wanda Metropolitano
Pubblicità
  • Scoprite alcuni dei bar sportivi più attraenti per seguire le gesta della vostra squadra del cuore.

    Bar sportivi a Madrid
  • Bares deportivos en Madrid

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Scarica la App dei capolavori del Prado, del Thyssen e del Reina Sofía.