Parco del Capricho

Ci troviamo di fronte a uno degli spazi verdi che costituiscono il patrimonio artistico-naturale di Madrid. Situato ad Alameda de Osuna, è uno dei parchi più belli e, paradossalmente, tra i meno conosciuti. Fu voluto nel 1784 dai Duchi di Osuna e in particolare dalla duchessa, donna María Josefa de la Soledad Alonso Pimentel. Protettrice di artisti, toreri e intellettuali, la duchessa creò qui un autentico paradiso naturale frequentato dalle personalità più illustri dell'epoca e in cui lavorarono i più prestigiosi artisti, giardinieri e scenografi.

Dopo la morte della duchessa ne ebbe inizio il declino che fu inarrestabile fino a quando, nel 1974, il Comune di Madrid decise di acquistare il parco e dare avvio al suo recupero, che terminò nel 1999. Il parco ospita un’importante varietà botanica, scultorea ed artistica. Ci si trovano tempietti, eremi, fontane, piazzole e il palazzo dei duchi... Il giardino, inoltre, presenta ben tre stili differenti: il parterre o giardino alla francese, il giardino paesaggistico o all'inglese e il giardino all'italiana.

Davanti alla facciata ovest del palazzo si stende il parterre, con le sue siepi ritagliate come se si trattasse di un fine ricamo sopra la terra. Nella parte bassa si trova, poi, il giardino all'italiana, lo spazio più antico della proprietà, che mescola le siepi con gli alberi, ideale per prendere il sole in inverno o proteggersi, all'ombra, dal sole d'estate. Qui vicino c'è anche il labirinto, pensato per il gioco amoroso e il nascondino. È fatto con alloro e rispetta la planimetria di quello che si piantò quando era ancora viva la duchessa. Infine, il resto del parco è concepito come un tipico giardino paesaggistico all'inglese, che cerca di rievocare la natura allo stato puro, invitando a passeggiare e a soffermarsi nei suoi angoli più nascosti.

Visita il Bunker del Parco El Capricho 

El Capricho nasconde un altro segreto: il suo famoso bunker della Posizione Jaca, un sito della Guerra Civile unico in Europa per il suo attuale stato di conservazione che ospitava il Quartier Generale dell’Esercito Repubblicano del Centro. Il rifugio -di 2.000 metri quadrati, situato a 15 metri di profondità e in grado di sopportare bombe fino a 100 chili - è stato costruito nel parco intorno al 1937, sfruttando la lontananza della sua posizione dal fronte di guerra, le sue buone comunicazioni e i boschi particolarmente adatti alla mimetizzazione.

Dispone complessivamente di sette unità rettangolari (quattro a destra e tre a sinistra), quattro uscite al parco esterno e una galleria di fuga sulla strada che attraversa il seminterrato del Palazzo dei Duchi di Osuna.

La Direzione Generale per l’Intervento sul Paesaggio Urbano e sul Patrimonio Culturale del Municipio di Madrid, offre visite guidate gratuite (20 persone per gruppo) per 30 minuti è richiesta la prenotazione (dal 3 aprile) sul sito ufficiale di prenotazione.

 

Geolocation
Parque de El Capricho
El capricho
Palacio de El Capricho
Parque de El Capricho
Búnker Parque de El Capricho
Servicios: 

Parcheggio gratuito

Sentiero botanico

Accessibilità

Global Accesibility
Up

Visita guidata non accessibile

Share on

Dati di interesse

Indirizzo

Paseo
Alameda de Osuna, 25
28042
Zona turistica: 
Aeropuerto / Feria de Madrid
Orari Di Apertura: 

Dall'1 di ottobre al 31 di marzo:

Sabato - domenica e festivi: 9:00 - 18:30

Dall'1 di aprile al 30 di settembre:

Sabato - domenica e festivi: 9:00 - 21:00

- Visite guidate gratuite al Bunker, previa prenotazione dal 3 aprile  (20 persone per gruppo, durata di mezz'ora), da sabato 14 aprile a domenica 30 settembre:

     - Sabato: 18:00 e 18:30

     - Domenica: 11:00 e 11:30

Tipo información turística: 
Telefono: 
(+34) 91 588 01 14
Sito web: 
http://bit.ly/1RCZgMR
Metro: 
El Capricho (L5)
Bus: 
101, 105, 151
Tariffe: 

 Gratuito. Capienza massima: 1.000 persone.

- Non è consentito l'accesso agli animali, neanche al guinzaglio. 

- Non è consentito l'accesso con biciclette e pattini.

- Nel giardino non è consentito giocare a palla

- Non è consentito mangiare all'interno del giardino