Una passeggiata attraverso la Madrid di Almodóvar

  • Almodóvar
    lallegadadealmodovaramadrid_1399879661.636.jpg
  • La Madrid di Almodóvar
  • L’arrivo di Almodóvar a Madrid
  • Una città legata a un regista
  • L’evoluzione di Madrid attraverso Almodóvar

Vedendo i film di Almodóvar lo spettatore può divertirsi cercando di riconoscere i luoghi e gli scenari della città. Alcuni si sono trasformati in icone dell’universo almodovariano. Altre, invece, sono di più difficile individuazione. Queste sono delle curiosità su alcune delle centinaia di localizzazioni che compongono la Madrid di Almodóvar.

Le case della M-30

Alla fine di Che ho fatto io per meritarmi questo? la telecamera si allontanava dagli enormi palazzi in cui vivevano i protagonisti e le case si perdevano tra gli innumerevoli edifici della grande città. I tre palazzi si trovano accanto alla M-30, nelle immediate vicinanze della moschea, nel Barrio de la Concepción. Almodóvar li aveva notati molti anni prima: “quando andavo a lavorare in un magazzino di Telefónica, vicino alla località di Fuencarral, passavo tutti i giorni lungo la M-30. Mi impressionavano sempre quegli enormi alveari che dominano l’autostrada”.

La Bobia

Sguardi provocanti e flirt nella attuale caffetteria Wooster (Duque de Alba, 3), nel El Rastro. Luogo mitico della Movida e fondamentale in Labirinto di passioni. È qui che inizia il film e il passionale incontro tra i due protagonisti interpretati da Imanol Arias e Cecilia Roth.

Cuartel del Conde Duque

(Conde Duque, 9) “Mi innaffi! Non si fermi”. È una delle sue scene più famose. Il personaggio che interpreta Carmen Maura chiede a un operaio comunale di rinfrescarla a causa del soffocante caldo estivo in La legge del desiderio.

La calle del Arenal

Almodóvar girò il finale di Carne tremula nella calle del Arenal, sfruttando le decorazioni natalizie. Una delle riprese mostrava il Museo del Jamón che si trova all’inizio della via. Il regista girava in incognito dall’interno di un furgone e nella strada si mescolavano i passanti con alcune comparse reclutate per l’occasione. Girarono per ore e quando esaminò le riprese Almodóvar si accorse che in tutte era presente un uomo che aspettava all’entrata del bar. “Immagino che quell’uomo avesse un appuntamento con qualcuno che non arrivava”. L’uomo in questione ha gli occhiali e si vede di sfuggita in quel finale.

Madrid in cartolina

L’itinerario attraverso la Madrid di Almodóvar è molto diverso da quello che fanno i bus-visión. Ci sono solamente due eccezioni. La Plaza Mayor in Il fiore del mio segreto e, soprattutto, il travelling notturno sulla Puerta de Alcalá che fungeva da sfondo per i titoli di testa in Carne tremula.

Una città di cartapesta

In Kika Almodóvar girò in pochissimi casi in esterni riconoscibili. Ma il regista fece comunque in modo che non mancassero alcuni luoghi emblematici della città. In una delle camere dello chalet, c’erano dei modelli della torre Madrid, le torri Kio e la torre Europa. E ancora cartapesta: il paesaggio decorato dello sfondo nell’appartamento di Verónica Forqué rappresenta la torre Picasso. La torre Picasso compare di nuovo in Gli abbracci spezzati: è il paesaggio che si vede dall’ufficio in cui lavora il grande magnate interpretato da José Luis Gómez.

Cimiteri, treni e aeroporti

I luoghi che più si ripetono nei film di Almodóvar sono il cimitero della Almudena e l’Aeroporto di Madrid-Barajas. Sempre attento ai cambiamenti nella città, in Kika il regista mostrò la nuova stazione dell’AVE ad Atocha con lo squisito travelling in cui giungeva Peter Coyote a Madrid. Alcuni anni dopo, in Tutto su mia madre, Cecilia Roth utilizzava di nuovo l’AVE, questa volta per viaggiare da Barcellona a Madrid. Almodóvar precorse i tempi: l’AVE non era ancora arrivato nella capitale catalana.

Bar di cocktail Museo Chicote

Una delle scene principali di Gli abbracci spezzati si svolge in questo emblematico bar di cocktail (Gran Vía, 12) che ha visto passare le stelle più luminose dello star system nazionale e internazionale. Se le pareti del Chicote potessero parlare ci racconterebbero di come Ava Gardner sedusse il celebre torero Luis Miguel Dominguín. In Gli abbracci spezzati, il personaggio che interpreta Blanca Portillo si fa coraggio con i gin-tonic per svelare tutta la verità custodita durante tanti anni.

La Corona de Espinas

La sede dell’Istituto del Patrimonio Storico Spagnolo (El Greco, 4. Città Universitaria), conosciuta come La Corona de Espinas, è lo scenario scelto per far intervenire a una conferenza il vendicativo personaggio interpretato da Antonio Banderas in La pelle che abito. Per l’architetto Richard Rogers, questo edificio è "pura energia e creatività fin nei minimi particolari". Si tratta di un’opera degli architetti Fernando Higueras e Antonio Miró, in stile organico, iniziata a costruire a metà degli anni ‘60. Almodóvar la scelse per questa scena per la sua espressività e rappresenta un  elemento aggiuntivo dell’azione narrata.

Viadotto di Segovia

È un esempio del razionalismo architettonico madrileno degli anni ‘30 (anche se è stato inaugurato nel 1949) applicato alle infrastrutture della città. Il viadotto unisce in altezza il Palazzo Reale e la zona delle Vistillas. Nell’immaginario popolare dei madrileni ha rappresentato il luogo tradizionale dei suicidi. Questa relazione con la morte era già chiara in Matador, un film sulla passione portata all’estremo e, soprattutto, nel suo ultimo film, Gli amanti passeggeri, una commedia provocatrice, girata quasi interamente in un monolocale, ma in cui il personaggio di Paz Vega compie un tentativo di suicidio esattamente in questo posto.

Altre vie e luoghi “almodovariani”

Calle Montalbán, 7. L’attico del settimo piano era la casa in cui viveva Pepa (Carmen Maura) in Donne sull’orlo di una crisi di nervi. Sullo sfondo, lo skyline della Gran Vía con l’edificio Telefónica.

Calle Almagro, 38. Casa della famiglia di Antonio Banderas in Donne sull’orlo di una crisi di nervi.

Calle de Sevilla, 3. Casa di Kika in Kika.

Villa Rosa (Plaza de Santa Ana, 15). Locale in cui si esibiva il trasformista Miguel Bosé in Tacchi a spillo.

Teatro María Guerrero (calle Tamayo e Baus). Teatro in cui cantava Marisa Paredes in Tacchi a spillo.

Caffè del Circolo delle Belle Arti (calle Alcalá, 42). Luogo in cui si incontravano Victoria Abril e Peter Coyote per discutere un copione in Kika.

Plaza del Alamillo. Luogo in cui si trovava il seminterrato dove viveva Marisa Paredes in Tacchi a spillo.

Plaza de Puerta de Moros. Luogo in cui il personaggio di Leo (Marisa Paredes) cerca di togliersi le scarpe all’inizio di Il fiore del mio segreto.

Paseo de Eduardo Dato, 18. Casa di Javier Bardem e Francesca Neri in Carne tremula.

Calle Segovia. In questa zona, sotto al Viadotto, vive il personaggio interpretato da Lluis Homar in Gli abbracci spezzati.

Cock (calle Reina, 16). Qui lavora come disc-jockey il personaggio di Tamar Navas in Gli abbracci spezzati.

MADRID DA NON PERDERE

I dieci luoghi che non puoi perderti durante la tua prima visita!

Consulta e scarica le informazioni turistiche indispensabili per spostarti a Madrid.

Pubblicità

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Entra in più di 50 musei e usufruisci di numerosi sconti.

Pubblicità
Pubblicità