Plaza Mayor: storia e tradizione

  • plazamayro_lafavorita_1423659301.222.jpg
  • MonedasPlazaMayor_1401878934.841.jpg

La storia e la tradizione si fondono in questa zona, in cui i negozi più caratteristici resistono  sotto i portici di questa grande piazza e nelle sue vie adiacenti. Ristoranti e bar tipici, francobolli, cappelli, sartorie, artigianato, souvenir... sono alcune delle proposte che il visitatore può trovare qui.

La Plaza Mayor di Madrid, affiancata da tre grandi vie del centro, Toledo, Mayor e Atocha, ha da sempre rappresentato uno spazio commerciale importante per la città, dato che già nel XV secolo si svolgeva qui il mercato principale, e in quell’epoca era conosciuta con il nome di Plaza del Arrabal. Tutt’intorno si situavano alcune delle principali corporazioni, come quella dei coltellinai o dei macellai. Questa grande piazza e le piccole vie che si incrociano nei dintorni conservano molta storia e tradizione commerciali.

Da un singolare bottone per un capo d’abbigliamento a vestiti e uniformi da lavoro per ogni genere di professione. Dai cappelli classici e moderni a eleganti cappotti invernali, senza dimenticare il più vasto assortimento di ventagli, un ricordo tipico spagnolo, come i vestiti da flamenco e sevillanas.

Ogni genere di tele, tessuti, lane, finiture e merletti, bottoni, ditali e aghi... L’elenco degli oggetti che possiamo acquistare nei vari locali che i centenari Almacenes Pontejos dispongono nelle immediate vicinanze della Plaza Mayor è infinito. Come lo è a volte anche la fila che si forma a Casa Hernanz che, dal 1840 (nello stesso negozio della calle Toledo), vende espadrillas resistendo alle nuove mode.

Gastronomia tradizionale

Ampie terrazze all’aperto in cui godersi questo spazio monumentale si trovano intorno al perimetro della Plaza Mayor, oltre ai bar tipici dove praticare una delle tradizioni più radicate della cultura spagnola: il tapeo. Provare il popolare bocata de calamares’ (panino di calamari) caratteristico di Madrid può rappresentare un’altra buona idea prima di farsi fare il ritratto da uno dei caricaturisti che si concentrano nell’arco dell’uscita alla collegiata di San Isidro, da uno dei laterali della piazza.

Francobolli e monete

Un capitolo a parte si deve riservare alla filatelia e alla numismatica. Oltre ai vari negozi dedicati a questo collezionismo, tutte le mattine della domenica e dei giorni festivi nella piazza si svolge un mercato di compravendita e di scambio.

Mercato di Natale

Durante il mese di dicembre, questa piazza assume una rilevanza ancora maggiore, se possibile, dal momento che dal 1860 ospita tutti gli anni il tradizionale mercato natalizio. Sotto la statua equestre di Filippo III, numerose bancarelle si dispongono lungo tutta la piazza. Qui troveremo alberi di Natale, statuette per il presepe e un’infinità di decorazioni per arredare la casa.

MADRID DA NON PERDERE

I dieci luoghi che non puoi perderti durante la tua prima visita!

Consulta e scarica le informazioni turistiche indispensabili per spostarti a Madrid.

Pubblicità

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Entra in più di 50 musei e usufruisci di numerosi sconti.