Toledo

  • alcazartoledo_1400573942.23.jpg
  • Cosa vedere
  • Storia
  • Tradizione e gastronomia
  • Come arrivare

Toledo è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1986. Si è trattato del riconoscimento a una città in cui gli ebrei, i musulmani e i cristiani hanno lasciato la loro impronta.

I vari popoli che si sono succeduti a Toledo hanno lasciato progressivamente le loro impronte nella città. Per esempio le mura, che esistono dall’epoca romana, furono ricostruite e ricevettero la loro attuale disposizione con gli arabi. Sono presenti un’infinità di porte, ma è la Puerta de la Bisagra, che nella parte superiore riporta lo stemma della Città Imperiale, la più rappresentativa e l’accesso al centro storico.

Moschea del Cristo de la Luz (X secolo)

L’unica nel suo genere che si è conservata delle dieci che esistevano nella città. Si trova subito dopo la Puerta de la Bisagra. Gli archi arabi si succedono in uno spazio che ricorda e trae ispirazione dalla moschea di Cordova.

Sinagoga del Tránsito (XIV secolo)

Bellissimi muri intonacati e un interno con pianta rettangolare, coperto da un bel soffitto a cassettoni (struttura piatta). Ospita il Museo Sefardita.

Cattedrale Primada

In stile gotico, fu costruita tra il 1226 e il 1493 sopra una chiesa visigotica edificata durante il regno di Recaredo. La sacrestia ospita un’importante collezione di quadri di El Greco, Lucas Jordán, Van Dick e Goya. Ma tutte le dipendenze sono delle vere e proprie opere d’arte: dalla Cappella dei Nuovi Re alla Cappella di Santiago passando per il coro rinascimentale, la cappella mozarabica o la sala capitolare.

Casa Museo di El Greco

Anche se un cartello all’ingresso specifica che il pittore non è vissuto qui, ospita comunque alcuni quadri significativi dell’artista di Creta, come Le lacrime di San Pietro o L’Apostolato.

Alcázar di Toledo

Situato nella parte più alta della città, in epoca romana fu un palazzo e con i cristiani divenne la prima fortezza con la pianta quadrata. Con Carlo I è stato oggetto di un’importante ristrutturazione. Ogni facciata ha il proprio stile e la propria epoca: quella orientale è medievale, quella occidentale è rinascimentale, quella settentrionale è plateresca e quella meridionale è in stile churrigueresco. Con l’invasione delle truppe francesi e la Guerra Civile spagnola fu distrutto, ma dopo la sua ricostruzione, ospita il Museo dell’Esercito e le dipendenze militari.

MADRID DA NON PERDERE

I dieci luoghi che non puoi perderti durante la tua prima visita!

Consulta e scarica le informazioni turistiche indispensabili per spostarti a Madrid.

Pubblicità

PRODOTTI UFFICIALI

Sali sul belvedere a 92 metri e goditi una delle migliori viste sulla città.

Sali a bordo e scopri la città in formato panoramico.

Entra in più di 50 musei e usufruisci di numerosi sconti.